mercoledì 20 giugno 2012

Il prestito è usura

Immagine di Flod http://www.flickr.com/photos/flod/
Il prestito a interesse è usura. Non è una posizione ideologica, è un dato di fatto: chi presta denaro a interesse è a tutti gli effetti un usurajo, perché specula sul tempo: e il tempo non è a nostra disposizione e non è lecito scommetterci su. La stessa Chiesa nel medioevo vietava ai cristiani di prestare denaro a interesse.
L'altro giorno ho ricevuto un tweet:
" che interesse dovrei avere a prestare, se non ne ho un vantaggio? Poi possiamo discutere sul tasso"

È proprio questo il problema: domandarsi sempre quale sia il proprio interesse nello svolgere un azione.
Chi presta, lo faccia per spirito di carità, e chieda indietro soltanto ciò che ha prestato.
Una legge lo tradurrebbe così: è vietato qualsiasi prestito il cui interesse superi il tasso di inflazione.
Ovviamente questo significherebbe: chiusura delle banche (che di certo non ci mancheranno), abolizione del sistema fondato sul debito e dei relativi inevitabili suicidi, fallimento del mercato delle "cravatte" e soprattutto ritorno ad una dimensione sociale più umana, meno isterica e frettolosa, in cui si spende solo ciò che si ha. Non di più, non di meno.
Mica male sognare.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Proprietà intellettuale

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono di Michele Pigliucci e sono liberamente utilizzabili alle condizioni previste dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.