giovedì 12 aprile 2012

Parlo a te che sei 'na madre


"Nessuno della corte se n'è accorto
che quanno che ero nato ero già morto
ma er giudice lo sa che manco Dio
s'è accorto che là fora manco io...
Mò che m'avete dato 'sta condanna
e adesso che me fate portà via
vorrei dì du parole a quella donna
che sta piagnenno in mezzo alla giuria:



Parlo a te che sei 'na madre
sì lo so, tu nun sai gnente
ma vent'anni de bottega
nun se danno a un innocente
sì lo so che pare vero
che so stato proprio io
ma nun m'è abbastato er core,
te lo giuro innanzi a Dio
queste mani so' pulite
come quelle de tu fijo...

Potevo fa der male a quella donna?
M'aveva fatto assaporà la vita
vedevo score er sangue dell'amore
sgorgallo fino all'urtima ferita
fate 'n soriso che er processo è chiuso
e prima d'annà a casa ve ne prego
mettete un nastro nero in su la porta
pe fa capì che la ggiustizia è morta!

Parlo a te che sei 'na madre
sì lo so, tu nun sai gnente
ma vent'anni de bottega
nun se danno a un innocente
sì lo so che pare vero
che so stato proprio io
ma nun m'è abbastato er core
te lo giuro innanzi a Dio
queste mani so' pulite
come quelle de tu fijo!"



Sentite che voce..! Quanto me manca Arvaro!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Proprietà intellettuale

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono di Michele Pigliucci e sono liberamente utilizzabili alle condizioni previste dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.