sabato 12 novembre 2011

Riflessioni leggendo Drieu La Rochelle

1. Non è mai esistito il governo di una classe. Marx si confonde con il godimento dei privilegi, che può essere riservato ad una classe in particolare, ma la gestione delle leve del potere è altra cosa ed è riservata a minoranze per lo più interclassiste. Prima della Rivoluzione Francese a governare erano più che altro borghesi fatti ecclesiastici o nuovi nobili nominati dal re. Durante la Rivoluzione la borghesia non ha dunque sostituito la nobiltà, esattamente come il proletariato non sostituirà la borghesia.
2. In qualunque caso il governo è di pochi e non di una classe intera. Le classi non sono solo due ma molteplici, e qualsiasi governo deve trovare un equilibrio fra tutte.
3. La classe non è omogenea e chiusa, si rinnova e si contamina continuamente. Quindi non può essere sostituita in toto da un'altra.
4. Le rivoluzioni sono sacrosante, ma non sono mai fatte da una classe su un'altra. La rivoluzione russa è stata solo strumentalizzata dai bolscevichi in chiave marxista, nel momento in cui in Europa il mito della lotta di classe veniva sostituito dall'idea della collaborazione fra le classi. Per Drieu il vento della rivoluzione russa si era esteso a Roma, a Berlino ed all'America e sarebbe toccato anche a Francia e Inghilterra. "Gli antimarxisti che lo sono solo perché vogliono conservare il sistema capitalistico devono tremare".
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Proprietà intellettuale

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono di Michele Pigliucci e sono liberamente utilizzabili alle condizioni previste dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.