mercoledì 7 luglio 2010

Gianmario Mariniello e i nani della politica

Con Gianmario Mariniello ho condiviso per diversi anni la militanza in Azione Giovani, di cui è dirigente nazionale: aveva idee spesso diverse dalle mie, ma quantomeno aveva delle idee!
Ma la fame, si sa, gioca brutti scherzi, specialmente la fame di carriera.
E così apprendo oggi che, per diventare direttore di Generazione Italia, l'affamatissimo Mariniello ha dovuto vendere oltre alla propria storia persino la propria dignità, arrivando a rinnegare vergognosamente le idee per le quali aveva speso i suoi anni migliori.
Fatevi un giro su gianmariomariniello.net, la pagina personale dal rampante finiano dell'ultima ora, e scoprirete con grande stupore il suo impegno a fianco di Barbareschi e Martino contro la proposta di legge sulle Comunità Giovanili. Fin qui niente di nuovo: l'ordine di scuderia di chi gli paga lo stipendio è attaccare la proposta di Giorgia Meloni sugli spazi di aggregazione giovanile? Da bravo impiegato l'ex militante di Azione Giovani obbedisce in men che non si dica!
Peccato che nell'ansia di obbedire abbia dimenticato di essere stato eletto appena tre anni fa Consigliere Comunale di Aversa, con un programma elettorale che prevedeva esattamente la costituzione delle comunità giovanili!
Aiutiamo il nostro povero smemorato riportando parte del testo con cui ha preso in giro i suoi elettori:

Sul fronte politiche giovanili tanto c’è da fare: l’approccio che intendo perseguire mira a creare opportunità per i giovani realizzando opere infrastrutturali.
Tra queste vi è una proposta storica della destra giovanile che è già realtà in molti comuni amministrati dal centrodestra: le comunità giovanili. La sede c’è: l’ex Casa del Fascio.
Le comunità giovanili sono aperte a tutti gli studenti delle scuole medie e superiori, gli studenti universitari e ai giovani fino a trenta anni di età senza alcuna discriminazione politica, culturale, religiosa, etica e sociale. La comunità giovanile è composta da un’insieme di persone aggregate stabilmente e che elaborano progetti privi di fini di lucro riguardanti:
1) l’organizzazione della vita associativa come esperienza comunitaria, al fine di favorire la maturazione e la consapevolezza della personalità dei giovani nel pieno rispetto degli altri;
2) l’educazione all’impegno sociale, civile, alla partecipazione e alle conoscenze culturali;
3) la lotta contro i fenomeni degenerativi del disagio giovanile, come la tossicodipendenza, la dispersione scolastica, l’espansione della microcriminalità tra i minorenni ecc.
4) lo svolgimento di attività sportive, ricreative, artistiche e musicali;
5) la creazione di un laboratorio professionale dove svolgere una attività complementare di formazione che possa indirizzare i giovani ancora in età scolare verso proprie scelte consapevoli per quel che riguarda il proprio futuro inserimento nel mondo dell’Università o del Lavoro.
Infine lo sport: la Pista di Atletica – che propongo da 6 anni ormai – è rimasta un miraggio. Bisogna insistere!
Inoltre fondamentale sarà far entrare le associazioni sportive nelle scuole aversane ed invogliare in tal modo i giovani allo sport, il più potente antitodo contro le devianze giovanili.


Il testo imbarazzante è ovviamente scomparso dal suo sito, ma resta su google la copia cache: http://webcache.googleusercontent.com/search?gl=it&source=mog&hl=it&q=cache:j8qMh27OzG0J:gianmariomariniello.net/2007/04/02/piu-spazi-per-i-giovani/

Il trasformismo in politica è un'arte antica; risale alle primissime legislature del Regno d'Italia, quando Depretis inaugurò una stagione di grandi alleanze per governare, al di là delle ideologie. Aveva una sua qualche dignità, a quel tempo.
Completamente priva di dignità risulta invece il comportamento del nostro povero Gianmario Mariniello. Nello spasmodico tentativo di occupare più poltrone possibili, costui sembra voler diventare l'avanguardia di quanto di più basso la politica abbia prodotto negli ultimi anni.

Gianmario Gianmario... Le bugie hanno le gambe corte! E con le gambe corte non si può più accusare gli altri di essere nani della politica...

7 commenti:

  1. Anonimo18:06

    Pigliucci ma sei tu quello che al congresso fondativo del PDL attacasti i giovani forzisti rei di non avere identità politica e la Giorgia non potè fare altro che metterti nell'angolino buono buono a scontare in silenzio la tua pena?

    RispondiElimina
  2. E tu sei "Dino Carratù", benvenuto nel mio blog!
    La prossima volta non aver paura: firma i commenti che lasci, è più onorevole...

    RispondiElimina
  3. Anonimo23:17

    Mi sarei tranquillamente firmato se solo non avessi dovuto registrarmi.

    RispondiElimina
  4. Anonimo02:19

    Il tuo post ha girato solo perchè hai messo un nome.

    Non hai aggiunto niente alla discussione... te lo faccio notare, ma forse lo sai benissimo anche te.

    Massimo

    RispondiElimina
  5. Anonimo17:40

    Ma credi che la politica sia una passione o una sistemazione? Perche non esistono al mondo persone che fanno politica a vertici accettabili per passione ma solo per carrierismo e questo è assulutamente innegabile.
    Anche Fini è un voltagabbana impressionante e considerando che l'esempio viene sempre dall'altro non vedo particolari novità.
    Meglio certamente Marinienllo che Luca Barbareschi, il piu assenteista degli assenteisti al parlamento e colui che ha dichiarato che deve per forza proseguire la sua carriera teatrale e artistica in quanto con il solo stipendio di parlamentare non ce la fa ad arrivare a fine mese.
    Ma la colpa è nostra, ce la meritiamo tutta questa becera gente.

    RispondiElimina
  6. Anonimo10:03

    Mah quando leggo o sento il motto di Generazione Futuro: Legalità e Merito, mi sale l'acido!
    Merito? Hanno una bella faccia da culo visto che sono "tutti nominati" come tutte le cose, i dirigenti dovrebbero essere eletti dalla base, "per rappresentarla", ma invece sono stati calati dai pezzi da 90' "e così rappresentano lecchinamente, le volontà e le pigne mentali di chi ce li ha messi!" Mariniello comunque è solo il caso più lampante! Ma nel giovanile del FLI c'è molto altro, specie su Roma)

    RispondiElimina
  7. Notizia di oggi: la Regione Lazio ha appena approvato un OdG per esentare le case popolari dal pagamento dell'IMU. Gli unici a votare contro sono stati i consiglieri di FLI e di MPA.
    E pensare che un tempo stavamo nello stesso movimento...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Proprietà intellettuale

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono di Michele Pigliucci e sono liberamente utilizzabili alle condizioni previste dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.