domenica 22 febbraio 2009

L'adducazzione

Fijo nu ribbartà mai tata tua
abbada a tte, nun te fa mette sotto
si quarchiduno te viè a dà un cazzotto
lì callo callo tu dajene dua.

Si poi quarcantro porcaccio da ua
te ce facessi un po' de predicotto
dije: "de ste raggione io me ne fotto:
iggnuno penzi a li fattacci sua"

quanno giuchi un bucale a mora, o a boccia,
bevi fijo, e a sta gente buggiarona
nun gnene fa restà manco na goccia

d'esse cristiano e ppuro cosa bbona:
pe questo hai da portà ssempre in zaccoccia
er cortello arrotato e la corona

Giuseppe Gioacchino Belli
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...