sabato 8 agosto 2009

Diario di viaggio - II Giorno: il limes


Entro in Bosnia di buon mattino e subito mi ritrovo nella triste conca di Bihac, bagnata dal fiume Una; pare che i legionari romani lo chiamassero così per sottolinearne l'unicità e la bellezza, ed effettivamente è uno spettacolo incredibile. La città è cresciuta attorno a questo fiume diversi secoli fa, e per diverso tempo è stata contesa tra ottomani e croati. I segni di questa lotta stanno tutti nella prima chiesa di Sant'Antonio trasformata in moschea, e nella seconda chiesa dedicata allo stesso santo, mai portata a termine.
Riparto da Bihac in direzione Banja Luka, e mi ritrovo nella Kranjia, che vuol dire "terra di confine": questa regione è abitata in buona parte da serbi discendenti di coloro che furono trasferiti dagli Asburgo perché - buoni combattenti - difendessero con la loro presenza il confine coi turchi.
Mi fermo a Bosanska Krupa, ancora sul fiume Una. Qui la guerra deve essersi sentita molto: dal castello che domina la città sono ancora affacciati due mortai. Nel piccolo centro, una chiesa cattolica, una ortodossa e una moschea, a distanza di pochi metri. E mentre il muezzin canta la sua nenia araba noto che sulla facciata della chiesa ortodossa qualcuno deve aver "fucilato" il mosaico della Madonna col bambino, un po' come facevano gli anarchici nella guerra civile spagnola.

Dopo un diversi chilometri sono a Banja Luka. E' una città moderna, viva, completamente ricostruita dalle devastazioni di un terremoto e della guerra. Vi erano sedici moschee prima che i serbi del posto le facessero saltare in aria nel 1993. Ora ne stanno ricostruendo una, lentamente, da più di tre anni.
E' la capitale della Repubblica Sprska, l'entità serba separata che controlla il 49% del territorio della Bosnia-Erzegovina e di cui in occidente si sa così poco. Bandiere serbe dappertutto, tutte le scritte in cirillico, chiese ortodosse maestose quasi a segnare un nuovo confine, un limes che stavolta non scorre sulle cime delle colline ma tra gli abitanti di questa terra.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Proprietà intellettuale

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono di Michele Pigliucci e sono liberamente utilizzabili alle condizioni previste dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.