martedì 17 giugno 2008

Le mie prigioni

Paradossalmente, la prigione più brutta è quella costruita dai nostri sogni.
A chi è dato di sognare, viene mostrato un mondo ideale, perfetto: un mondo dei sogni appunto, che rappresenta ciò che dovrebbe essere la realtà.
Questo mondo rischia di diventare una prigione buja dalle sbarre solide perché è in grado di impedirci di amare le cose così come sono senza paragonarle a come dovrebbero essere.
Personalmente, è questa differenza tra ciò che è e ciò che dovrebbe essere, tra ciò che sono e ciò che vorrei essere che mi impedisce di vivere lievemente, liberamente, serenamente.
E dunque è la mia prigione.

10 commenti:

  1. virginia00:43

    Quando non fui più martirato dagl'interrogatorii, e non ebbi più nulla che occupasse le mie giornate, allora sentii amaramente il peso della solitudine.

    RispondiElimina
  2. Anonimo09:15

    "Bisogna fare la propria vita come si fa un’opera d’arte..."
    Non potrai dire di aver vissuto veramente se non avrai dipinto quella tela che si chiama vita con i colori dell'amore. Dono prezioso di Dio.
    "Cio che sono e ciò che vorrei essere".
    Questa è la prigione di molti uomini.
    Sta a te aprire quel lucchetto, oppure da la chiave a qualcuno che è pronto ad evadere con te, che è pronto a dipingere con te la storia di una vita.

    RispondiElimina
  3. Anonimo13:48

    La prima cosa che devi riuscire ad apprezzare è la capacità di avere sogni, riuscire a sognare sogni tuoi solo tuoi è già un senso di libertà grande. Cullali i tuoi sogni, non li abbandonare nelle mani du qualcun altro, proteggili da tutto da e da tutti. Poi sta a noi, alle nostre capacità, alla nostra forza prendere i sogni dal cuore e metterli nella nostra vita. Hai mai letto il deserto dei tartari? Il rischio è quello di passare una vita ad aspettare qualcosa che non arriverà mai se non decidiamo di uscire dalla prigione. Io vivo incastrata in una vita che non è la mia, ma mi sforzo ogni giorno di apprezzarla, cerco ogni giorno di renderla migliore. E i miei sogni? Chiusi nel cuore e nell'anima in attesa....
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Anonimo21:32

    ...oppure da la chiave a qualcuno che è pronto ad evadere con te...ma stiamo scherzando?!bisogna essere padroni di se stessi della propria vita delle proprie scelte, con l'aiuto del destino si ma non di terzi...star bene con se stessi essere fedeli a se stessi essere liberi...quando il cuore sarà libero allora il termine con il quale i mortali si riampiono la bocca tante volte a vanvera,AMORE, chiamerà la persona libera che sceglierà un altro genere di libertà...

    RispondiElimina
  5. Anonimo09:34

    L'amore ci rende liberi da ogni paura, è quella la chiave.
    Mi spiace che l'anonimo che mi ha preceduto non ha capito il senso delle mie parole.
    Probabilmente NON hai mai amato o semplicemente hai sofferto per amore. Altrimenti non parleresti così.
    Anche io penso che è necessario stare bene con se stessi per stare bene con un'altra persona, ma questa NON può diventare una scusa per non vivere un sentimento che dai tempi dei tempi è il pilastro della vita di un essere vivente.
    Vedi le paure muovono il peggio di noi, ed è per questo che reputo necessario attraverso le parole di Dio vivere l'amore (in ogni sua forma) senza troppe paranoie.
    Attenzione la paura di vivere l'amore è solo UMANA.
    Purtroppo non siamo animali, loro si che amano incodizionatamente.

    RispondiElimina
  6. Anonimo14:56

    Ma perchè tutte ste pippe mentali?
    Se vuoi essere diverso è ora che esci da sta prigione che te sei costruito.
    Altrimenti te piangerai sempre addosso e ti farai scivolare fra le mani le cose davvero importanti.
    Le frasi fatte sull'amore esistono perchè so vere nel bene e nel male.
    Cato sbaglio?
    Ma poi le cose vanno vissute, sopratutto perchè poi potresti perderle.

    RispondiElimina
  7. I sogni si conservano e si coltivano, e "sconfitto sei quando rinunci a sognare". Ma bisognerebbe imparare anche ad amare il mondo così come è, oltre che come dovrebbe essere. Il mondo con la sua "dolorosa tensione dei contrasti", con i suoi difetti, con le sue piccolezze e le sue immensità. Amarlo così come è, e scoprire che forse "deve essere" esattamente imperfetto come è.
    Mi piacerebbe avere questa sensibilità, ed io invece mi danno e mi guasto la salute e non trovo pace: non accetto la forza di gravità che spesso ci spinge e ci tiene in basso. Troppo in basso.

    RispondiElimina
  8. Anonimo15:41

    E allora reagisci o resterai tutta la vita solo con te stesso oppure con una persona che non è l'amore della tua vita, che non è complementare a te, a quello che sei, ai tuoi valori e ai tuoi ideali.
    Già perchè un conto è amare e un conto è...ci siamo capiti.
    Perchè il mondo va così.
    Sta a te fare la differenza.

    RispondiElimina
  9. Anonimo16:54

    Io l'avevo trovato l'amore della mia vita, ma ho fatto una cazzata e l'ho perso.
    Però non riesco a mettere da parte l'orgoglio e la paura dell'incerto, che ora fanno parte di quello che sono.
    Mi sono costruito una stabilità ipocrita, mi sono riempito la vita di cosa da fare, la mente di tanti ideali, di frasi fatte.
    La verità è che forse non ho la forza per cambiare davvero la mia vita, per riprendere ciò che ho perso, per diventare un uomo..e sarebbe ora.

    RispondiElimina
  10. Anonimo11:58

    una stabilità ipocrita...non hai idea di quanti di noi vivono così. Io per esempio non ho paura di dirlo a me stessa, mi guardo allo specchio e quello che leggo nel cuore e negli occhi è diverso da quello che vivo davvero. E spesso penso che fanno bene loro, gli ipocriti inconsapevoli che almeno non si dannano davanti allo specchio. Almeno a loro il cuore non fa male perchè non lo sanno usare, e l'anima ce l'hanno impolverata perchè riposta da sempre nel cassetto. Ma la loro inconsapevolezza li rende forti, non sanno soffrire e non sono capaci di amare. Non sanno riconoscere l'odore della pioggia nel vento, nn sanno ascoltare la poesia del lento andare e venire delle onde, i loro occhi non brillano mai e se vedi una luce in quegli occhi è solo il riflesso della tua luce dei tuoi occhi. Hanno rinunciato. Ma tu non rinunciare a vivere un amore, rimarresti per sempre con un fantasma accanto. Se la tua è paura di farti male devi sapere che solo mettendosi in gioco e rischiando il cuore si può amare. E' l'unica strada verso l'amore quello vero.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Proprietà intellettuale

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono di Michele Pigliucci e sono liberamente utilizzabili alle condizioni previste dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.