venerdì 11 maggio 2007

Uccidere per guarire? L'idea ci sembra strana...



NOVIVISEZIONE.ORG: "L'AZALEA DELLA RICERCA
FINANZIA LA VIVISEZIONE. SCEGLIAMO UNA
RICERCA CHE CURI DAVVERO I MALATI, NON I TOPI!"
8 maggio 2007
Il 13 maggio, come ogni anno, l'AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, raccoglie fondi per i propri progetti con la vendita delle azalee. Parte di questi fondi, pero', vengono usati per finanziare la vivisezione, vale a dire, esperimenti su animali nei quali viene indotta una malattia artificiale, quindi molto diversa da quella che si genera spontaneamente, ed in piu' in una specie molto diversa dalla nostra.
In questi ultimi anni sono stati pubblicati su varie riviste scientifiche internazionali alcuni articoli di critica esplicita alla sperimentazione su animali: e' giusto che il pubblico sia informato di come questa pratica sia sempre piu' contestata, a livello scientifico.
Nel dicembre 2006 e' stato pubblicato sulla rivista British Medical Journal l'articolo "Confronto degli effetti delle cure provate su animali e clinicamente: una revisione sistematica". Gli autori hanno trovato ampie discordanze di risultati tra le prove su animali e quelle su umani ed affermano "La nostra revisione sistematica fornisce indicazioni sulla limitatezza dei modelli animali, e sulla loro incapacita' di rappresentare le corrispondenti malattie negli umani". I risultati nei sei casi esaminati (per ciascun caso sono stati esaminati molti articoli della letteratura scientifica) sono stati vari: in tre casi ci sono stati risultati simili, in altri tre casi no. In sostanza, un po' come tirare una moneta: 50% di possibilita' di avere risultati su animali congruenti con quelli sugli umani!
"Chiunque voglia evitare di donare il suo denaro per contribuire a una pratica non scientifica e non etica, come quelle della vivisezione, ricordi che l'AIRC, come quasi tutte le associazioni per la ricerca medica, finanzia studi su animali" affermano i gestori di NoVivisezione.org, il portale dell'antivivisezionismo in Italia.
Stando alle ultime statistiche del Ministero della Salute in merito al numero di animali usati come cavie di laboratorio, negli ultimi anni vi e' stato un incremento del 40%, decisamente elevato, nell'uso di animali nella ricerca di base.
"Questo incremento" spiegano gli antivivisezionisti "è stato pagato coi nostri soldi. E' stato svolto nelle università - sovvenzionate con denaro pubblico - e presso i laboratori delle associazioni per la ricerca medica che chiedono ogni anno l'aiuto di tutti i cittadini generosi con le loro maratone televisive e altri eventi di raccolta fondi. Parte di questi soldi non vanno dunque ad aiutare i malati, con una vera ricerca medica, ma vengono spesi per fare 'ricerca' su malattie fasulle create artificialmente su una specie diversa da quella umana." Concludono i volontari del portale NoVivisezione.org: "E' dunque importantissimo scegliere per le nostre donazioni una associazione che non finanzi la vivisezione, e parlare di questa situazione con quante piu' persone possibile, invitando anche loro a non fare donazioni a chi finanzia questa pratica. Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il nostro sito, www.novivisezione.org, in particolare la pagina dell'iniziativa 'Per una ricerca di base senza animali'".
Comunicato di:
NoVivisezione.org
http://www.novivisezione.org - info@novivisezione.org

7 commenti:

  1. Bisogna stare attenti quando si parla di questi argomenti senza averne la competenza scientifica, si rischia di fare informazione distorta e dannosa. Parla di cose che conosci, è meglio.....in grande amicizia, eh....

    RispondiElimina
  2. Onestamente non mi aspettavo una risposta così banale da te. la retorica del "sei piccolo, crescerai" è valida sotto i venti anni, dopodiché a usarla si richia di dimostrare di non aver argomenti... Se ho scritto qualcosa di sbagliato (fermo restando che ho soltano riportato un comunicato stampa non mio) dimmi dove sta l'errore e ne parleremo. Altrimenti ti prego evita prese di posizione fini a se stesse (specialmente se nel frattempo sul tuo blog spazi in libertà dal Doping alle foibe, dal neofascismo(!!) ai giovani proletari, dall'emergenza casa alla P2.
    Insomma parla di cose che conosci: te lo dico in amicizia...

    RispondiElimina
  3. Sander00:16

    Parole come macigni.. però giusto così.. cap ha un po' rotto il cazzo co sto "parla di cose che conosci" specie considerato che quando poi lo fai a lui ci va in puzza e dice dice "non fare il dottorino".

    RispondiElimina
  4. Io la vivisezione la conosco un po' più di voi, l' ho studiata e mi ci sono rotto le corna. E non solo quella. Quando si diffondono argomentazioni come hai fatto tu (ed il pappagallino di sotto), senza fare dei distinguo, si rischia di fare informazione fallace, se non di dire cazzate (e quelle cazzate portano la gente a non fare donazioni, non so se mi spiego). Gli studi che hai citato sono stati smentiti e rismentiti, adesso sinceramente non mi va di stare a cercarti il link, ma se dai uno sguardo in rete lo trovi...poi fate come volete, che sinceramente io l' osservazione l' ho fatta in buona fede, se la volete interpretare come spocchiosità va bene lo stesso....dormo bene ugualmente, forse anche meglio....

    RispondiElimina
  5. Sander16:48

    Ti faccio notare che non mi sono espresso sulla vivisezione, anceh considerato che non ne so molto e che comunque non sono pregidizialmente contrario. Solo, ti invitavo a riflettere sul fatto che se in merito a una questione giudiziaria di attualità io ti scrivessi "vai a giocare coi criceti" senza motivare nel merito i motivi del mio dissenso (cosa che invece nell'ultimo post tu hai fatto), mi manderesti tanti simpatici insulti e avresti pure ragione.

    RispondiElimina
  6. Non credo di aver mei osservato che non potete parlare di vivisezione, io intendo dire che non potete farlo entrando nel merito della ricerca scientifica, perchè non ne avete fatta....io non sono mai entrato nel merito delle procedure legali, perchè non le conosco e sinceramente colpiscono il mio interesse quanto l' inserimento di un cetriolo nel culo (nel mio culo....). Vi ho solo pregato di non addentrarvi troppo in paludi a voi sconosciute. Voi potete fare lo stesso con me nei vostri ambiti....diverso è il discorso quando si parla di politica, quello è argomento che riguarda tutti...poi che certi non lo conoscano è altra storia.....

    RispondiElimina
  7. O.T. : ragazzi, può capitare che venga a rompervi le balle un mio ‘fake’ ......è un simpatico demente analfabeta.....peccato, speravo mi imitasse qualcuno un pochino più sveglio di così.......
    Eventualmente scusatelo e scusate me per aver involontariamente portato qui la 'spazzatura', ha avuto una brutta infanzia, forse è andato a scuola dai preti.......
    :-)))))))))))))))))))))))))

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Proprietà intellettuale

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono di Michele Pigliucci e sono liberamente utilizzabili alle condizioni previste dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.